Come diventare trader? La nostra guida completa per raggiungere i vostri obiettivi

Siti di Trading Top in Francia

numero 00e9ro 1logo eToro★★★★★Vedi sito (*)
numero 00e9ro 2Logo IqOption★★★★★Vedere il sito
numero 00e9ro 3Logo BDSwiss★★★★Vedere il sito
numero 00e9ro 4Logo XTB★★★★Vedere il sito
numero 00e9ro 5Logo AvaTrade★★★Vedere il sito

La professione di commerciante mantiene un’aura e una parte di mistero che è molto fantasy. I commercianti sono a volte percepiti come ragazzi d’oro, geni matematici o personaggi sfacciati, ma è impossibile disegnare generalità o disegnare un tipico ritratto del commerciante.

Infatti, ci sono decine di tipi diversi di commercianti con background e personalità diverse, spesso nella direzione opposta. Se chiedete ai trader attivi che canalizzano il loro consulente di orientamento o l’ONISEP raccomandato loro, è improbabile che vi risponda che si tratta di trading.

Che cos’è un trader?

Indipendentemente dalla sua specialità, il trader è soprattutto un trader, in grado di effettuare le sue transazioni a prezzi che gli permettono di generare un margine. I primi commercianti sono storicamente i proprietari agricoli che commercializzano le loro colture attuali o future. A seconda della complessità dei prodotti, i profili variano enormemente, motivo per cui non esiste un profilo del trader. Il lato commerciale (vendite) e la velocità di pensiero ed esecuzione avranno la precedenza sui prodotti più semplici, ma per i derivati complessi, saranno essenziali le capacità di pensiero analitico e matematico. Sulle negoziazioni per conto proprio, l’anticipazione e la speculazione associate al controllo del rischio faranno la differenza.

Clicca qui per fare trading online

Operatore azionario

I trader di azioni sono specializzati in azioni di società quotate in borsa. I trader di azioni si trovano in fondi di investimento, broker e banche. Sono consigliati dagli analisti, sia per l’analisi fondamentale (quella della salute dell’azienda) che per l’analisi tecnica (quella delle quotazioni azionarie). In collaborazione con i venditori, essi devono gestire le posizioni dei loro clienti, eseguire gli ordini o monitorare i prestiti in caso di vendite allo scoperto di titoli.
Alcuni operatori azionari hanno un ruolo di market making, detto anche market-maker, e quindi offrono un prezzo di acquisto e di vendita dei titoli al fine di generare un margine (uno spread). Ciò richiede una capacità di adattamento molto rapida perché la volatilità delle azioni può variare enormemente in un periodo di tempo molto breve.

il lupo wallstreet lupo

Poiché il commercio azionario è stato altamente automatizzato e informatizzato a partire dagli anni ’90, le competenze informatiche e di programmazione sono una risorsa significativa. Naturalmente, molti individui dedicano più o meno tempo alla pratica del trading azionario, alcuni dei quali in un’occupazione quasi professionale.

Se vuoi iniziare a negoziare azioni in forma semplice come i CFD protetti (su o giù), ti consigliamo uno dei migliori broker francesi di eToro che offre una demo gratuita.

Tasso e Forex Trader

Mentre i negoziatori di azioni si trovano ovunque, quelli sui tassi d’interesse e sul forex sono più concentrati nelle banche e in alcuni grandi hedge fund. I mercati dei tassi di interesse e dei cambi sono altamente correlati perché la decisione di una banca centrale di aumentare i tassi di interesse di riferimento avrà un impatto su entrambi i mondi.

Come per le azioni, esiste una serie di profili tra trader a breve termine e spot che giocano movimenti di qualche centesimo di euro (pips) sul prezzo di una valuta e trader a lungo termine che si assumono maggiori rischi di credito sulle loro controparti.

Infatti, sul credito, i commercianti di obbligazioni hanno la capacità di analizzare i bilanci e i conti economici di un’azienda per valutare il loro merito di credito. A quel punto saranno in grado di arbitrare il debito di un’azienda o di sottoscrivere derivati come i credit default swap per speculare sul fallimento o sulla buona salute dell’azienda.

Se volete iniziare a fare trading di valuta, vi raccomandiamo i 3 broker qui sotto:

  1. Etoro (vedi la nostra opinione su E toro)
  2. Opzione IQ (vedi il nostro parere sull’opzione IQ)
  3. BDSwiss (vedi il nostro parere)

Clicca qui per fare trading online

Commerciante di prodotti strutturati

A differenza dei trader a breve termine noti per la loro reattività e degli operatori commerciali con argomenti più commerciali, i trader di prodotti strutturati giocano sulle loro capacità matematiche e di anticipazione del rischio. Infatti, commercializzano prodotti derivati complessi che sono complicati da replicare con azioni e derivati standard. Devono quindi avere sia un profilo ingegneristico in grado di costruire concetti originali che soddisfino le esigenze dei loro clienti, sia solide conoscenze matematiche per valutare correttamente i rischi che si assumono se la situazione di mercato si inasprisce.

Quali sono le prospettive per i commercianti?

Disegno del commerciante e 6 schermiIl commercio è una professione che probabilmente ha raggiunto il suo apice negli anni ’80, l’era dei golden boys. Nelle banche e nei fondi di investimento, le fusioni e le acquisizioni finanziate con prestiti marci hanno arricchito un’intera generazione di investment banker e trader in un clima che mescola cocaina, insider trading e bionde. Da allora, la professione è diventata più rilassata, i bonus non sono più così elevati e gli stipendi, anche se molto confortevoli, sono diminuiti notevolmente.

Salari e stipendi

Gli stipendi commerciali hanno la specificità di essere guidati principalmente da una parte fissa molto confortevole e da una parte variabile sproporzionata che non si trova da nessun’altra parte. Un nuovo trader guadagnerà tra i 60.000 e gli 80.000 euro all’anno su base fissa e un bonus compreso tra sei mesi e un anno di stipendio. La progressione è quindi abbagliante perché, se si comporta bene, il suo compenso raddoppierà in media ogni tre anni. Prima della crisi finanziaria dei subprime, i migliori trader potevano ricevere una quota significativa dei profitti generati, ricevendo assegni per milioni di dollari.
D’ora in poi, una quota maggiore del bonus è distribuita nel tempo per non incoraggiare un’eccessiva assunzione di rischi a breve termine. Tuttavia, nonostante un relativo declino di questi benefici, la crescita degli stipendi e dei compensi commerciali rimane ben al di sopra di quanto possono offrire altri settori, con la possibile eccezione di alcuni giganti della Silicon Valley per posizioni IT molto specifiche.
Queste cifre devono essere bilanciate rispetto alle condizioni di vita stressanti e alla mancanza di sicurezza del posto di lavoro. È difficile conciliare la carriera di operatore bancario con la vita familiare, anche se alcune persone riescono, perché il trading comporta un’attenzione costante e salti emotivi significativi.

Diventa un trader

Ad esempio, alcuni fondi non consentono di commettere errori licenziando i propri dipendenti dopo la perdita del 10%. Nel complesso, una carriera commerciale è quindi molto competitiva e riservata a personaggi ben temperati.
I commercianti indipendenti che operano con capitale proprio ricevono la maggior parte dei proventi delle loro attività, ma ne sopportano anche tutti i rischi e i costi. Possono costituire una società o operare su base privata a seconda dei prodotti che lavorano, dei servizi che possono fornire ad altri investitori e del regime fiscale più interessante.

Contrariamente a ciò che alcuni annunci pubblicitari aggressivi annunciano, non si diventa trader spendendo pochi minuti al giorno per effettuare ordini, questa professione richiede rigore e molta ricerca per diventare e rimanere redditizia.

Riconversione

La vita media di un trader in una posizione altamente esposta nell’investment banking è inferiore a dieci anni. La conversione è quindi parte integrante della carriera di un trader e la progressione è molto meno lineare che in altri settori, fluttuando a seconda dei cicli economici.

La via più frequente è la transizione verso l’acquisto, ossia la gestione di portafoglio in un fondo d’investimento o in una banca privata. Poiché i trader hanno un’ottima conoscenza dei mercati, si adattano rapidamente a questo cambiamento grazie alle loro riconosciute qualità tecniche.
I trader hanno l’opportunità di accumulare ricchezza e capitale durante i primi anni di carriera, il che apre loro opportunità uniche, ad esempio in termini di creazione di imprese.

l'immagine del commerciante divertente diventare commerciante

Ci sono commercianti che hanno acquistato vigneti a Bordeaux, hanno aperto un ristorante su una spiaggia tailandese o hanno rilevato piccole imprese locali per fornire loro le loro competenze finanziarie e gestionali.
Anche all’interno delle banche, i movimenti verso l’alto nella gerarchia sono in minoranza e molto competitivi, ci sono pochissimi armadi d’oro per gli ex commercianti e questo può essere compreso in considerazione dello stipendio che chiedono. Di conseguenza, ci sono sempre più persone che passano all’analisi e alla gestione dei rischi.

I trader esperti sono in grado di identificare al meglio i rischi associati alle posizioni in prodotti strutturati complessi. In questo caso, dovranno fare una concessione sulla loro retribuzione, ma troveranno un equilibrio tra la loro vita privata e quella professionale.

Clicca qui per fare trading online

Quali studi sono necessari per diventare trader?

Come accennato sopra, ci sono diversi tipi di commercianti che vanno dal venditore di pesce al matematico quasi chiuso nella sua bolla. Ci sono quindi una moltitudine di profili di trading a seconda delle esigenze specifiche delle scrivanie o delle aziende che impiegano i trader.

Scuola di Ingegneria

Il percorso reale per diventare commercianti, soprattutto in Francia, rimane quello delle migliori scuole di ingegneria dopo i corsi di preparazione alle grandes écoles (CPGE). Tra le scuole che hanno formato un gran numero di commercianti ci sono naturalmente l’Ecole Polytechnique, l’Ecole Centrale (Parigi e Lione), l’Ecole des Mines, Supélec, Télécom ParisTech e l’Arts et Métiers. Anche se a volte si tratta quasi di incroci, questi profili sono ricercati per il loro rigore, il loro lavoro e le loro capacità analitiche.
Ma non è necessario aver frequentato una scuola del gruppo A, le cui assunzioni sono concentrate nelle maggiori istituzioni in grado di assumerle. Se segui la formazione di una scuola che ti garantisce una buona occupabilità, ad esempio in ambito informatico, potrai trovare lavoro sulla scrivania ancora più facilmente.

Anche se non si fa trading immediato, si avrà l’opportunità di dimostrare se stessi e mostrare cosa si può fare per ottenere il lavoro dei propri sogni.

Business school o università

Per le posizioni dei trader di flusso e le posizioni dei trader di vendita, le business school fanno la parte del leone. Non sorprende che HEC, ESSEC, EM Lyon, ESCP e EDHEC siano in cima alla tabella.

Tuttavia, tra la folla spiccano profili molto internazionali, in particolare con una buona conoscenza dei paesi emergenti o delle lingue asiatiche. Più rari, i corsi universitari rimangono apprezzati, soprattutto per i posti di ricerca.

Quale formazione per diventare trader?

Gli studi non bastano: per diventare trader, è essenziale allenarsi. Non mancano i contenuti e i metodi, nell’era di Internet non è mai stato più facile conoscere tanto quanto i commercianti senza essere necessariamente cresciuti nel loro ambiente o aver fatto gli studi giusti.

CFA (Chartered Financial Analyst)

Il CFA (Chartered Financial Analyst) è una designazione che certifica le vostre conoscenze finanziarie in tutto il mondo. Composto da tre esami ogni anno, ci vuole un tempo relativamente lungo per ottenere, soprattutto se si sta già lavorando. D’altra parte, richiede principalmente l’apprendimento delle conoscenze in modo personale, che è comunque la norma nella finanza di mercato.

Se sei rigoroso e appassionato, puoi ottenerlo continuando a lavorare o studiare normalmente, il che attesta la tua capacità di superare te stesso e di essere ambizioso. L’esame, essendo in inglese, vi permetterà di padroneggiare questo strumento di comunicazione essenziale nella finanza, rivedendo dall’alto verso il basso le conoscenze matematiche e finanziarie che potrebbero essere testate nelle interviste.

MBA, Master in Business Administration

Se hai più esperienza e la tua carriera non è necessariamente nel settore finanziario, il CFA avrà meno possibilità di fare la differenza, allora dovresti scegliere un MBA. L’MBA attesta il tuo profilo internazionale e la tua capacità di condurre gli affari di un’azienda.

Sarà molto utile se volete riorientarvi verso la finanza e il trading. Ma anche se cambiate idea, le tecniche manageriali e i corsi di strategia accelereranno la vostra carriera in qualsiasi settore. Inoltre, a differenza del CFA, che è studiato da solo, l’MBA vi permetterà di costruire una vasta rete di conoscenze su cui fare affidamento nel vostro sviluppo professionale.

Portafoglio di trading personale

Una delle prime domande che vi verrà posta in un colloquio di lavoro per una prima posizione sarà sul vostro portafoglio. Sembrerebbe molto curioso per un altro trader se non si disponesse di un proprio portafoglio di titoli o derivati. Costruisci il tuo portafoglio in modo metodologico, questo ti permetterà di guadagnare denaro con esso, da un lato, e dall’altro lato per impressionare il tuo reclutatore.

Diventare trader è quindi solo questione di volontà, avrai successo grazie alla tua forza di carattere e al tuo lavoro. Si tratta di una carriera arricchente, sia letteralmente che in senso figurato, che offre molte opportunità di riqualificazione. Ci sono molti canali di accesso e gateway per il trading, la cosa più importante è dimostrare ai trader più esperti di beneficiare dei loro consigli e della loro esperienza.

Clicca qui per fare trading online